L’aggressività nei bambini sconvolge sempre un po’ l’adulto che si chiede che cosa ci sia che non va nel proprio figlio e sentendosi frustrato davanti alla scelta del giusto approccio…

 

L’aggressività nei bambini

 

Quando i genitori vedono i propri figli mordere o picchiare gli altri bambini, o a volte i genitori stessi,  rimangono sempre un po’ allibiti. Si chiedono dove abbiano sbagliato come genitori per aver prodotto tanta aggressività; perché il loro piccolo cucciolo sia diventato improvvisamente tutt’altro che tenero e innocuo…

Questa problematica mi sta molto a cuore, un po’ perché come educatrice mi sono spesso trovata a dover gestire i morsi in classe e non è mai una cosa semplice, anche perché riferire l’accaduto ai genitori è sempre motivo di preoccupazione; e un po’ perché Vittoria, la mia piccola e buona e dolce Vittoria, ha iniziato da qualche mese a questa parte a riempirci di botte e morsi e ora ha iniziato anche a scuola a dare i pizzichi ai bambini…

Ovviamente all’inizio ho pensato di sgridarla, ma poi ho deciso di prestarle attenzione, considerare il quadro generale delle cose e circoscrivere le situazioni in cui manifestava quei comportamenti.

Ho scoperto che l’inserimento all’asilo, sebbene ci andasse volentieri, le provocava non poca agitazione. In fondo la separazione dalla mamma è una cosa grande da elaborare e implica tempo e conseguenze.

Non solo, ma mi sono accorta che quando il papà la interrompeva durante un gioco per chiederle un bacio, lei reagiva con botte e irrigidimenti.

 

aggressività nei bambini

 

Infine, andando al parco, ho notato che quando incontrava un bimbo, correva verso di lui tutta contenta, chiamandolo, ma poi arrivava lì davanti e gli infilava il dito negli occhi o gli dava un pizzico sul collo.

Che cosa ne ho dedotto?

Come mi dovevo comportare?

Ovviamente quando si tratta dei figli degli altri è più facile capire cosa e come fare, perciò ho dovuto appellarmi a tutte le mie conoscenze e alle mie esperienze e pormi in una posizione il più possibile obiettiva.

 

Ho così deciso di fare un video, e poi un corso online sulla rabbia dei bambini, in cui potessi spiegare a tutti i genitori quanto comune e normale fosse questa fase e di lasciare qui sotto qualche linea guida per orientarci:

 

  • I bambini spesso usano l’aggressività per esprimere il proprio stato d’animo, affermare la propria personalità, attirare la nostra attenzione… Quindi la prima cosa da fare è osservare i nostri figli ed individuare in quali circostanze mettono in atto questi comportamenti così da capire che cosa ci vogliono comunicare.

 

  • Questo tipo di aggressività è legata ad un’immaturità della sfera linguistica che non permette al bambino di utilizzare le parole per esprimersi e per parlare di cosa prova. Non solo, ma i bambini non sanno che cosa significhi essere arrabbiati, felici, etc. Quindi, dovremmo aiutarli a trovare una parola per ogni emozione e circostanza, aiutarli a trovare il comportamento corretto per poter sostituire quello errato.

 

  • Ricordiamoci sempre che i bambini hanno bisogno di tempo per comprendere e fare proprie le informazioni che gli diamo. Quindi aiutiamoli attraverso l’utilizzo di più strumenti, come libri, musica, disegni, ad imparare che devono avere cura e rispetto degli altri e delle cose. 

 

  • Urlare non serve a niente se non ad insegnargli che urlare è il modo per risolvere i problemi…

 

  • Per quanto i bambini possano ripetere gli stessi errori, riprenderli ogni volta che sbagliano rende la vita impossibile a tutti. Quindi, fermiamo il gioco, parliamo con i bambini, mettiamo in atto tutto il processo di scuse e riparazione, ma ogni tanto chiudiamo un occhio e lasciamo che il nostro sguardo comprensivo valga più di mille parole.

 

Il consiglio più utile di tutti è quello di ricordare sempre che non esistono formule magiche. Se non lavoriamo ogni giorno sul rapporto con i nostri figli, parlando molto con loro, avendo rispetto e interesse a conoscere cosa provano e come sono fatti, non avremo soluzioni valide ai nostri problemi.  

 

Flavia

@flavia_educhiamali

@flavia_educhiamali

Counselor

Dunque io sono Flavia, sono Counselor socioclinica e dottoressa in psicologia dello sviluppo.

Sono una formatrice e ho lavorato per molti anni come educatrice all’interno di asili nido e scuole dell’infanzia. 

Sono una mamma e tutto quello scritto sopra con  le mie figlie conta poco.

Amo lavorare con genitori e bambini, entrare nel loro mondo, metterli in connessione e vedere come la loro relazione cambia e li renda finalmente felici!

Neomamme e senso di colpa

Rubrica "La psicologa delle neomamme" - Neomamme e senso di colpa     “Alzi la mano chi...

Le vaccinazioni dell’infanzia: dalla nascita ai 5 anni

Il momento delle prime vaccinazioni può sempre portare un po' di timore per i genitori; timori a...

Quando il bambino balbetta…

Quando il bambino balbetta il genitore si trova subito in difficoltà. Si chiede da cosa dipenda,...

Neonati: come tenerli, in che posizione e per quanto tempo?

Oggi parliamo di neonati: meravigliosi, teneri e profumati…ma come li tengo? In che posizione? Per...

Le collane allattamento

Le collane allattamento   Un argomento interessante di cui vorrei parlarvi sono le collane...

I “bimbi trottola”: perché la psicomotricità può aiutare

Chi sono i "bimbi trottola"?   In sala di psicomotricità capita frequentemente di accogliere...

Attività per bambini dai 12 mesi: la lavagna luminosa

Questa attività per bambini dai 12 mesi si può realizzare in casa con poche semplici mosse e...

“Una mamma è come una casa” di Aurore Petit, Topipittori

Oggi vi racconto di un delicato, intenso e dolce albo illustrato dedicato alla mamma di Aurore...

Fare la mamma è difficile…?

Fretta, impegni, pressioni sociali. Tutti fattori che oggi rendono la genitorialità ancora più...

Cosa succede al bambino quando la mamma urla?

Cosa succede al bambino quando la mamma urla?   A chi non è capitato di perdere il controllo,...

Non vuole andare al corso di nuoto!

Parliamo ai nostri bimbi del corso di nuoto e sembrano essere molto contenti almeno di provare. ...