Il passaggio al latte artificiale non sempre avviene in modo lineare, portando la mamma a viverlo con apprensione. Vediamo allora come procedere…

 

Il latte artificiale: comprendere il passaggio e viverlo con serenità

 

Il passaggio dal latte materno a quello artificiale, rappresenta un problema che spinge le mamme nello sconforto, poiché non sanno come procedere senza traumatizzare il bambino.

L’idea di farne un video mi è venuta da mia cugina che, dovendo trovare a lavoro, mi ha chiesto come poteva fare per far accettare alla sua piccola il biberon!

 

Vi lascio qualche piccolo consiglio:

 

1. Prima di iniziare qualsiasi cambiamento importante nella vita di un bambino, è necessario essere sicuri che il genitore sia pronto a fare quel passo.

Spesso l’ostacolo più grande per un bambino che cresce, sono proprio il modo in cui i genitori approcciano a questa fase e i limiti che essi pongono.

Se la mamma vivrà con consapevolezza e serenità questo passaggio e saprà guidare e contenere il bb in questo cambiamento, quest’ultimo lo vivrà con serenità e rafforzerà la fiducia nella mamma.

Spesso questo percorso viene intrapreso proprio per alcune difficoltà, fisiche e sociali, che la mamma incontra dopo la nascita del piccolo. 

Vista la necessità, fate quindi un respiro profondo e rasserenatevi, prima o poi doveva essere fatto!

 

2. Se pensate che il bambino sia pronto, fate un passo avanti nel suo sviluppo ma ricordate sempre di procedere con gradualità.

Se finora avete allattato il vostro bambino al seno su richiesta (cioè ogni volta che lo desidera), prima di potergli cambiare alimentazione dovrete prendervi del tempo per inserire nella vita di vostro figlio degli orari per mangiare.

Esempio di orario:

ore 7 11 15 19 23

Solo quando avrete consolidato questi orari potrete iniziare a sostituire le poppate con il biberon.

Si tratta quindi di sostituire la poppata delle 11 con il biberon contenente il latte tirato.

 

latte artificiale

 

Attenzione però,  soprattutto all’inizio,  a dare il biberon al bambino non dovrà essere la mamma (associata a ben altri ricordi nella mente del bambino). Anche il papà andrà bene! 

Una volta che il bambino avrà accettato il biberon, consiglio di aspettare qualche giorno e iniziare sempre con la poppata delle 11 a sostituire il latte tirato con quello artificiale e procedere con le successive in breve tempo.

Quando il bambino si sarà abituato alla novità e quindi non prenderà più il latte al seno, anche la mamma potrà dargli il biberon! 

Non importa se lo assaggerà appena.

Sono cambiamenti grandi che richiedono tempo.

 

3. Una volta intrapresa la strada del cambiamento MAI TORNARE INDIETRO 

Non tornate MAI indietro e non dategli il seno. 

Gli creereste più problemi così che se saltasse un pasto…

Armatevi di pazienza!

Il bambino si fida di ciò che gli dite perciò non esitate e non confondetelo con un passo avanti e uno indietro!

Con i bambini è importante essere ordinati.

 

Importante:

Se il bambino non sembra vivere serenamente questo cambiamento, non tornate indietro e non andate avanti con la sostituzione delle poppate.

Rispettate i suoi tempi.

 

Flavia

@flavia_educhiamali

@flavia_educhiamali

Consulente dello sviluppo

Dunque io sono Flavia, sono dottoressa in psicologia dello sviluppo.

Sono una formatrice, sono un’ex-educatrice.
Sono una mediatrice e counselor scolastica.

Sono una mamma e tutto quello scritto sopra con  le mie figlie conta poco.

Vorrei salvare un genitore alla volta e insieme a loro cambiare il mondo. 

Credo nelle persone e nelle parole che scelgono di pronunciare perché mi piace indovinare che cosa hanno bisogno di nascondere…

Formulo teorie e riflessioni su tutto, tutto, tutto!


Neonati: come tenerli, in che posizione e per quanto tempo?

Oggi parliamo di neonati: meravigliosi, teneri e profumati…ma come li tengo? In che posizione? Per...

Aspettare un bambino – gravidanza e comunicazione

Aspettare un bambino, imparare a conoscerlo e ad ascoltarlo prima ancora che nasca. I consigli...

Luneur Park

Luneur Park - Attrazioni e parco acquatico a Roma   Quando arriva il caldo estivo e ancora...