Programmare un’attività in famiglia, affinché non sia un’avventura, richiede attenzione ad alcuni aspetti…

 

Programmare un’attività in famiglia

 

Aria di primavera e voglia di partire. Non sempre gli impegni lavorativi lo permettono.

Portare i bambini a giocare all’aria aperta, a conoscere posti nuovi, è sempre un’esperienza che dovremmo fargli vivere per crescerli in modo sano.

Qualche settimana fa siamo andati al lago di Bracciano per il compleanno di un parente e Vittoria si è divertita moltissimo!

Ha visto i cigni nuotare e mangiare il pane che gli tiravamo.

Le abbiamo portato il triciclo e abbiamo fatto un lungo giro intorno al lago.

È stata una splendida giornata in famiglia e al ritorno era cotta ma felice!

Portare i bambini a giocare all’esterno rappresenta un importante stimolo per un sano sviluppo.

L’ambiente esterno fornisce numerosi elementi che incuriosiscono il bambino e lo spingono ad utilizzare tutte le sue capacità per comprendere ciò che osserva.

Portare i bambini al parco giochi o in luoghi pensati per loro, li mette in contatto con altri bambini, favorendo la socializzazione e lo sviluppo dell’identità.

Correre, inseguire la palla, scivolare sullo scivolo, conducono il bambino a sviluppare le sue abilità motorie e a testarle in ambienti meno sicuri e conosciuti rispetto a casa.

Infine, non dimentichiamo che la natura offre numerosi stimoli di conoscenza e l’adulto può essere una connessione importante tra essa e il bambino.

Una gita al lago sarà per il bambino un giorno speciale e per i genitori un momento da condividere con lui.

Organizzare questa escursione non richiede che il bambino abbia particolari competenze. Sarà solo un momento di condivisione del tempo in famiglia!

 

programmare un'attività in famiglia

 

 

Programmare un’attività in famiglia. A cosa dobbiamo fare attenzione?

 

  • Organizzare un’escursione richiede che il bambino sia preparato qualche giorno prima su cosa andrà a vedere, in modo che crei delle aspettative e che contestualizzi l’evento. Perciò parlate con i bambini di dove andrete e cosa troverete lì. Descrivere la giornata, parlare delle attività e di cosa farete insieme, aiuterà il bambino a vivere bene il momento e creerà il giusto clima familiare.

  • Se promettete loro che andrete da qualche parte, non mancate mai la parola data. Li deluderete e assocerete un vissuto negativo a un evento pensato per divertirli.

  • Se dovesse succedere che non potrete andare come promesso, spiegate al bambino il perché e fissate insieme un altro momentoin cui andare che di certo non potrete mancare.

  • Il gran giorno è arrivato e anche se comporta dei sacrifici da parte di tutti è importante che tutti siano ben disposti a vivere e condividere questa giornata. Organizzate le sveglie, i pasti e siate previdenti su quello che potrà succedere in un’intera giornata fuori casa con bambini piccoli! Portate con voi oggetti come il triciclo e la palla, in modo che la giornata sia alla portata del bambino e possa viverla attivamente. Vi saranno utili per diversificare i momenti della giornata e renderla sempre interessante ai suoi occhi!

  • Finita la giornata sarà ora di andare a casa. Preparatelo al momento di andar via in modo che non lo viva male facendo poi i capricci. Salutate insieme il luogo e in macchina, se avrà la forza di star sveglio, parlate di questa giornata insieme, chiedetegli se si è divertito, cosa gli è piaciuto di più…servirà a fissare i ricordi!

 

 

Polpettine di ceci e zucca

 

Leggi anche

Vacanze con bambini: 10 consigli utili

Viaggiare con i bambini 0-3 anni: Londra!

USA on the road con bambini!

#ZoosafariFasanolandia

#FICO- EATALY World

Luneur Park

Nizza con bambini!

 

Guarda anche