@mikcc

Mamma che ridere!!!

Sono una mamma 35enne di un piccolo, quasi terrible two!

Ma che poi bisogna aspettare i 2 anni per capire se tuo figlio rientra nella categoria “bambino soprammobile” o “piccolo tazmania”? Non credo proprio!

Penso che ognuna di noi lo sappia fin da subito, magari non il giorno del parto, ma il giorno dopo sì. In cuor nostro lo sappiamo già a che cosa andremo incontro.

A chi è rivolta questa rubrica?

A chi, come me, sognava un piccolo battufolo da annusare e stringere forte e poi si è ritrovata un mix tra un’anguilla e una piccola scimmia urlatrice (sappiate che vi capisco e sono con voi).

Alle mamme di bambini soprammobili (così la prossima volta che vedranno una madre sfinita invece di giudicare, potranno offrire un caldo sorriso).

A chi mamma ancora non lo è, ma lo vorrebbe diventare (così le passa la voglia!)

A chi “manco se mi paghi faccio un figlio!” ma comunque ha voglia di farsi 2 risate con i miei racconti tragicomici! (che poi adesso ci rido su, ma al momento tutto ti viene fuorchè da ridere!)

Scriverò sempre in modo ironico, perciò vi avviso, non prendetemi sul serio!

Mi piacerebbe confrontarmi con voi, sapere come vi aspettavate la maternità. I racconti delle vostre amiche, si sono rivelati reali?

Ma sì, non dormi qualche notte, all’inizio cambierai molti pannolini, mangerà ogni 3\4 ore, qualche colichetta, gli dai il ciuccio e si calma, per la maggior parte del giorno dormirà, fino a che, dopo l’anno, inizierà a gattonare e allora sì che avrai da fare, ma tanto lui è maschio, sarà pigro e ci metterà un sacco prima d’iniziare a camminare…”.

E tu pensi: “Vabbè che sarà mai?Ce la posso fare!”.

Niente di più sbagliato…

Michela

Su Instagram mi puoi trovare qui @mikcc