ATTIVITÀ PER UN VENERDÌ

Intrattenere i bambini con giochi calmi e composti in casa potrebbe essere difficile perché hanno un’innata necessità di muoversi e tutte le attività finiscono per essere di movimento!

Ecco allora alcune proposte tutte incentrate sul corpo, sull’equilibrio, sul controllo…

 

Età: da 18 mesi 

Per i più piccoli vi consiglio di leggere

Attività per neonati: le tessere ad alto contrasto!

Attività per bambini da 1 a 6 mesi!

 

É utile per…

  • favorire la coordinazione dei movimenti

  • sviluppare la comprensione verbale 

  • acquisire il concetto di alternanza dei turni

  • sviluppare la percezione del corpo

  • acquisire maggior controllo del corpo e dei movimenti

 

Perché è utile?

Giocando con il corpo il bambino impara a controllarlo, ad autoregolarsi, ad avere fiducia nelle sue capacità. Inoltre, la sua esigenza di movimento e di scarica delle energie viene assecondata favorendo un senso di benessere e calma utile per gestire il tempo in casa.

 

giochi di movimento

Materiali:

  • musica 

  • stereo o smartphone per riprodurre

  • libro per bambini “Pandino cosa fa?”

  • libro “I racconti dello yoga: gli animali del bosco!”

  • ambiente della casa modificabile

 

Preparazione:

Mettersi un abbigliamento comodo con calzini antiscivolo o meglio se scalzi. Stereo o smartphone per riprodurre la musica devono essere a portata di mano per accompagnare i momenti del gioco. Preparatevi una playlist se pensate che possa aiutarvi a non distrarvi troppo! 

 

Svolgimento:

Per iniziare a giocare con il corpo sarà utile fare qualche esercizio preliminare, così da far concentrare il bambino sull’attività e prepararlo alle fasi più movimentate.

Perciò, mettetevi uno di fianco all’altro e sfogliate un libro come “Pandino cosa fa?” o “I racconti dello yoga: gli animali del bosco!”, imitando quello che i protagonisti delle storie vi chiedono di fare. Il bambino, attratto anche dall’intreccio delle vicende del libro, si diverte a condividere con voi questo gioco di imitazione e scoprirà cosa può fare il suo corpo e il vostro!Dopo amerà anche la lettura del libro!

Dopo questo riscaldamento, cambiate la disposizione dei mobili del salone o ella stanza scelta e organizzate un vero percorso motorio, con passaggi in cui si passa sopra il divano, sotto al tavolo, slalom tra le sedie e capriola sul tappeto…

Proponete infine alcuni momenti di respirazione finale, sdraiati a terra con le braccia e le gambe aperte come una stella!  

giochi di movimento 

Suggerimento:

Aumentate la difficoltà del gioco in termini di complessità del movimento da ripetere e in base alle competenze del bambino in termini anche di livello attentivo. 

Procedete per gradi e accompagnate il bambino finché ne ha bisogno, poi lasciatelo provare da solo sotto la vostra attenzione. 

Proponete sempre movimenti noti (da perfezionare e amati) e un movimento nuovo (aumento della complessità).

Con il tempo, potrete aggiungere strumenti e sbizzarrirvi nel creare percorsi divertenti anche per voi!

 

Evoluzioni:

  • Ai più piccoli si può proporre un percorso fatto di scalini da salire (già intorno ai 12 mesi), di rotolate sul letto, di passaggi sotto il tavolo, di ballare e saltare al suono della musica, variando tra canzoni per bambini conosciute e quelle per gli adulti.

  • Con grandi e piccoli si può ballare chiedendo di guidare le danze a turno. Inizierete voi dicendo come bisogna ballare quella canzone e dopo 8 tempi, direte a tutti di guardare il bambino e di fare come lui (“Adesso tutti come Luca!”), e così via.

  • Potreste chiedere al bambino di fermarsi quando non sente la musica e ricominciare quando riprende; o di abbassarsi se si abbassano i toni nella canzone e rialzarsi fino a saltare quando diventa più vivace.

  • Potete giocare a fare gli animali, strisciando per terra come serpenti, saltando come i canguri,  ruggendo a quattro zampe come i leoni. Da qui a inscenare storie originali proprio come quelle del libro presentato nella fase di riscaldamento, il passo è breve. 

 

 

Flavia

@flavia_educhiamali

@flavia_educhiamali

Consulente dello sviluppo

Dunque io sono Flavia, sono dottoressa in psicologia dello sviluppo.

Sono una formatrice, sono un’ex-educatrice.
Sono una mediatrice e counselor scolastica.

Sono una mamma e tutto quello scritto sopra con  le mie figlie conta poco.

Vorrei salvare un genitore alla volta e insieme a loro cambiare il mondo. 

Credo nelle persone e nelle parole che scelgono di pronunciare perché mi piace indovinare che cosa hanno bisogno di nascondere…

Formulo teorie e riflessioni su tutto, tutto, tutto!


Neonati: come tenerli, in che posizione e per quanto tempo?

Oggi parliamo di neonati: meravigliosi, teneri e profumati…ma come li tengo? In che posizione? Per...

Aspettare un bambino – gravidanza e comunicazione

Aspettare un bambino, imparare a conoscerlo e ad ascoltarlo prima ancora che nasca. I consigli...

Luneur Park

Luneur Park - Attrazioni e parco acquatico a Roma   Quando arriva il caldo estivo e ancora...